Database Guida INSMLI
AiutoPremere QUI per effettuare una nuova ricerca

Istituto: ISTITUTO STORICO DELLA RESISTENZA E DELLA SOCIETA' CONTEMPORANEA IN PROVINCIA DI CUNEO


Fondo: Repaci Antonino

Buste: 5
Fascicoli complessivi: 33
Estremi cronologici: 23/12/1920 - 29/1/1973; - altre carte sd.[1945 - 1980]

Nelle carte si ritrovano gli interessi culturali di Antonino Repaci. Nipote dello scrittore Leonida, Antonino nacque nel 1910 e frequentò la Torino colta degli anni Trenta. Laureato in giurisprudenza - fu compagno di studi di Norberto Bobbio - Repaci intraprese la carriera in magistratura e nel 1941 fu destinato al Tribunale di Cuneo con un incarico presso la Procura. Presto si lega in amicizia con un altro cuneese famoso, l'avvocato Tancredi Galimberti junior, "Duccio", con il quale discute progetti, idee e prospettive per il futuro. Proprio insieme a "Duccio", Repaci stila il "Progetto di Costituzione confederale europea ed interna". Quando arriva il crollo del fascismo, nel luglio, 1943 queste persone sono già pronte, preparate: "Duccio" ha un ruolo fondamentale nella Resistenza prima cuneese e poi piemontese sino alla cattura e poi alla uccisione; Repaci entra nella Resistenza operando tra Monregalese e Savonese. Nel dopoguerra Repaci torna a Cuneo come Pubblico Ministero presso la Corte d'Assise e fonda, insieme a Dino Giacosa e Spartaco Beltrand, la sezione del Movimento federalista europeo. Nel 1949 rientra a Torino e divide il suo tempo fra il lavoro e la passione per gli studi storici, collaborando a riviste prestigiose ed in questa veste pubblica nel 1971 il volume "Duccio Galimberti e la Resistenza italiana". Il fondo - che ha una consistenza di 1,00 ml ed è articolato in cinque buste e 33 fascicoli - è arrivato all'Istituto storico della Resistenza di Cuneo fra gli anni Ottanta e Novanta del Novecento. Cospicua ed interessante la raccolta di materiale a stampa per il periodo relativo alla Grande Guerra ed all'avvento del fascismo. Antonino Repaci è deceduto a Torino nel febbraio del 2005.

NOTE:

La consultazione, in accordo con il direttore dell'Istituto, è libera, disciplinata dal regolamento d'IstitutoI.

fondo si collega con le Carte Giocondo "Dino" Giacosa, con il fondo Duccio Galimberti presente nella Miscellanea GL e con il fondo del Movimento federalista europeoL.

Istituto storico della Resistenza di Cuneo possiede anche biblioteca di Antonino Repaci.

Nota bibliografica: Repaci Antonino, Duccio Galimberti e la Resistenza italiana, Torino, Bottega d'Erasmo, 1971, p. 678

Compilatore: Ruzzi Marco 2010; revisore Ruzzi Marco.  

Fascicoli: 33